Glaucoma

Specialista Dott. M.Zagari

Il glaucoma è una delle più frequenti cause di cecità nel mondo (colpisce circa il 2% dei soggetti di età superiore ai 35 anni) una malattia grave poiché può provocare lesioni irreversibili al nervo ottico, se non diagnosticato in tempo può causare seri danni alla vista e in casi avanzati la cecità.
Approfondimenti
È una patologia oculare ad andamento insidioso caratterizzata dal progressivo aumento della pressione intraoculare e la progressiva perdita delle fibre nervose che trasportano le informazioni dall’occhio al cervello.
Negli stadi avanzati si ha una visione cosiddetta 'tubulare' poiché si è persa la visione periferica mentre si vede ancora al centro del campo visivo.
Esistono diverse forme di glaucoma ad eziologia differente caratterizzate da valori pressori normali, è importante conoscere la causa per poter ottimizzare al meglio le terapia ed eventualmente la chirurgia.
I meccanismi attraverso i quali si sviluppa un glaucoma sono ancora in parte sconosciuti.

Animation: Glaucoma

Fattori di rischio per il glaucoma
Diversi studi hanno dimostrato che la capacità di tollerare una pressione intraoculare (IOP) elevata senza riportare danni al nervo ottico è molto soggettiva, infatti mentre alcune persone sviluppano un glaucoma persino a valori normali della IOP, altre non sviluppano la malattia neanche a valori di IOP elevati. E’ stato osservato che esistono diversi fattori di rischio per lo sviluppo del glaucoma, tra questi troviamo lo spessore corneale, la familiarità, l’etnia ed i fattori vascolari.
In generale, le persone che presentano cornee con spessore centrale più elevato hanno minore probabilità di sviluppare un glaucoma rispetto alle persone che presentano cornee con spessori ridotti, quindi spessori corneali ridotti rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo del glaucoma. Inoltre, la lettura del valore della IOP, che viene rilevata mediante tonometria standard, risulta spesso sottostimata nelle persone che hanno una cornea più sottile, mentre, al contrario, risulta sovrastimata nelle persone con una cornea più spessa.

Terapia
Ad oggi il primo step per la terapia del glaucoma è la terapia medica che si basa sulla modulazione dei meccanismi di produzione e deflusso dell’umor acqueo.
In alternativa alla terapia medica si pratica la terapia laser SLT (trabeculoplastica selettiva) che permette la “pulizia” del trabecolato (struttura fondamentale per il deflusso dell’umor acqueo).
Quando la terapia medica fallisce si interviene chirurgicamente; negli anni diverse tecniche chirurgiche si sono susseguite. Oggi la terapia chirurgica del glaucoma si fonda su principi ben precisi che inquadrano la patologia in funzione dello stadio e della causa del glaucoma; molte volte si possono combinare più interventi per ottenere il miglior risultato.
Le tecniche chirurgiche classiche sono:
- La Sclerectomia profonda che prevede l’apertura di uno sportello sclerale profondo che ha lo scopo di far defluire l’eccesso di umor acqueo senza perforare le strutture.
- La trabeculectomia, è la tecnica la più comune, prevede una via di deflusso dell’umor acqueo mediante la perforazione chirurgica del trabecolato, con formazione di bozza filtrante.

Glaucoma Surgery 3D Animation O. Findl, MD

Le tecniche chirurgiche moderne sono:
Canaloplastica, che prevede la distensione del trabecolato mediante l’introduzione di una sonda che ha lo scopo di dilatare e “pulire” le vie di deflusso.‚Äč
Impianti Ex-Press, sono dei sistemi valvolari che modulano il deflusso dell’umor acqueo quando tutte le vie di deflusso sono irreparabili. Ad oggi risulta un sistema sicuro in alternativa ad ogni tipo di chirurgia.
Share by: